Soldi

Fondo Poste Vita Soluzione Flessibile: rendimento

Posted On febbraio 22, 2017 at 9:42 am by / No Comments

Poste Vita Soluzione Flessibile fa parte degli investimenti United Linked a premio unico ed è adatto a tutti quei soggetti che sono alla ricerca di un prodotto che possa garantire un buon investimento e contemporaneamente una buona copertura assicurativa, con un investimento minimo pari a 2.000 euro. Analizziamo meglio le caratteristiche del prodotto.

Poste Vita Soluzione Flessibile: Come funziona

Il prodotto permette un guadagno derivato da un’attenta selezione delle diverse opportunità del mercato, frutto della oculata e approfondita gestire della Anima SGR.  La gestione è flessibile e diversificata, atta a garantire un buon rendimento. Gli investimenti avvengono soprattutto in OICVM e si collocano dunque in ambito prettamente azionario, ma anche obbligazionario sia in area europea che extra-europea.

Per accedere al fondo è necessario versare almeno 2.000 euro, ai quali è poi possibile aggiungere altri versamenti, ciascuno con un importo minimo di 500 euro.

Nessuna spesa è legata all’emissione del contratto, mentre i singoli caricamenti sono soggetti ad un tasso di costo pari allo 0,90% (fino ad una cifra complessiva massima pari a 5.000 euro). E’ il momento dunque di considerare le spese legate alla gestione del fondo. La commissione di gestione è pari all’1,15% annuo ed è calcolato tenendo conto del valore complessivo netto del fondo; non sono invece richieste commissioni di incentivo.

Trascorsi anche solo 30 giorni dalla sottoscrizione del fondo, è possibile ritirare una parte dell’investimento, lasciando però caricati sul fondo almeno 2.000 euro. Nessun costo e nessun contributo aggiuntivo è connesso al riscatto, anche nei casi in cui lo stesso avvenga prima della scadenza.

L’investimento non è coperto da nessuna assicurazione sul capitale investito. Tra le garanzie assicurative aggiuntive, troviamo invece la copertura in caso di decesso del soggetto mentre il contratto è ancora in essere. In base al contratto, dunque, la compagnia si impegna a restituire agli eredi del soggetto una cifra che corrisponde alle quote sottoscritte moltiplicate per il loro valore unitario. Qualora, inoltre, il decesso avvenga a partire dal secondo anno assicurativo del contratto, sarà prevista una maggiorazione percentuale, calcolata in base all’età del soggetto al momento del suo decesso e fino ad un massimo di 50.000 euro.

I rendimenti del fondo Poste Vita

Non è possibile dare una previsione di rendimenti su questo prodotto, dal momento che esso si colloca tra gli investimenti con rischio medio-alto, ovvero si colloca in una posizione di 4 su 6 (in una scala composta da rischio basso, medio basso, medio, medio alto, alto e medio alto).

Emerge dunque un carattere fortemente oscillante del prodotto, con un rischio che è strettamente connesso alle scelte di investimento prese di volta in volta. In base alle indicazioni, per trarre i migliori benefici è opportuno tenere attivo il prodotto per almeno 7 anni, scegliendo eventualmente se necessario e ritenuto opportuno, procedere ad un prelievo anticipato.

La sottoscrizione

Per sottoscrivere il prodotto è necessario recarsi in un ufficio postale abilitato alla gestione di questo tipo di prodotti, portando con sé il proprio documento di identità. Il consulente potrà illustrarvi le varie possibilità e vi presenterà un fascicolo informativo. Leggetelo con molta calma, prestando attenzione ai vari punti. Se preferite, potete scaricare dal sito Poste Italiane il materiale contrattuale, che vi permetterà di arrivare all’appuntamento già pronte. Prima della sottoscrizione, vi verrà chiesto anche di compilare un questionario di adeguatezza, volto ad evidenziare la congruenza tra il prodotto che state sottoscrivendo e il vostro profilo generale. Il questionario rientra tra gli obblighi di legge e viene fatto compilare nell’interesse dell’investitore, al fine di garantire una adeguata conoscenza del prodotto da parte del soggetto che lo sta sottoscrivendo. Qualora il profilo derivato dal questionario dell’investitore indichi un soggetto cauto negli investimenti, o non abbastanza consapevole del mondo dell’investimento, la scelta del prodotto verrà bloccata del tutto e il soggetto non avrà la possibilità di procedere alla sottoscrizione.